Programma Amministrativo Scalea 2016

scalea_m5sQuesto di seguito è il programma amministrativo scritto con i cittadini di Scalea. La maggior parte dei punti sono stati raccolti in piazza mediante l’uso di un formulario riconsegnato in forma anonima dai cittadini interessati. I contributi, oltre cento tra commenti e proposte, sono stati raccolti dal mese di ottobre ’15  alla fine di gennaio. Sono stati necessari molti giorni e incontri per sintetizzare, rimuovere le similitudini e dare un indirizzo chiaro alla futura amministrazione di Scalea. Resta, come punto fermo, che la futura amministrazione dovrà avere un atteggiamento propositivo e rispettare i canoni del buon padre di famiglia nel rispetto dei cittadini che sono i veri datori di lavoro e, come auspichiamo, una lista certificata M5S non potrà mai sottrarsi da tale impegno. Niente di nuovo nell’aggiungere che un buon governo è fatto di trasparenza e onestà. Nel programma, come risulterà evidente, non si parla di opere faraoniche e inconcludenti ma di semplici azioni volte al migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini. Mai ci sottrarremo dal dibattito politico per mostrare la competenza e la bontà delle nostre intenzioni nell’amministrare la città. Questa è la promessa per una lista M5S.

Il programma dei cittadini di Scalea

1. Sociale e salute del cittadino
1.1 Garantire l’assistenza agli ammalati predisponendo un servizio adeguato di trasporto verso i centri ospedalieri e di diagnostica.
1.2 Favorire la sensibilizzazione, anche tramite corsi informativi, verso la prevenzione delle malattie e la promozione di una mappa dei tumori del territorio.
1.3 Assistenza alle famiglie disagiate e le famiglie che hanno un proprio membro portatore di handicap o gravemente malato.
1.4 Favorire la possibilità per i cittadini, in evidente stato di bisogno, di corrispondere le tasse/tributi comunali attraverso il proprio contributo lavorativo utilizzando lo strumento del baratto amministrativo. (D.L. 133/2014 art. 18 e art. 24).
1.5 Sostenere un’adeguata formazione dei militari in pensione per diventare “nonni vigili” e prestare servizio alla collettività (p.e. pedibus).
1.6 Favorire l’accesso alle risorse finanziarie per le associazioni che si occupano di volontariato e assistenza delle persone in stato di bisogno.
1.7 Favorire l’accesso all’informatica delle famiglie in stato di bisogno anche stimolando la cittadinanza a cedere gratuitamente i propri strumenti informatici, se ancora in buono stato di funzionamento, quando vengono sostituiti. Istituzione della banca informatica.
1.8 Riduzione della spesa vs canile attraverso l’istituzione del “cane di quartiere” favorendo la consueta sterilizzazione già prevista dalla Legge.
2. Trasparenza
2.1 Bilanci comunali trasparenti, leggibili e comprensibili.
2.2 Incoraggiare il dibattito pubblico con i cittadini sui temi importanti dando la possibilità a tutti di poter interagire anche tramite la rete internet.
2.3 Rendere obbligatoria la pubblicazione online del consiglio comunale creando un archivio che contenga le registrazioni di tutti i consigli comunali.
2.4 Introduzione della mailing list, utile ai soggetti interessati, per essere informati sugli atti amministrativi.
2.5 Trasparenza e meritocrazia nell’affidamento dei lavori pubblici.
2.6 Favorire la divulgazione tempestiva dei documenti inerenti le attività dell’amministrazione pubblica a chiunque ne faccia richiesta.
2.7 L’elenco di tutti i servizi erogati dall’ente al cittadino saranno pubblicati online.
2.8 Pubblicazione online dei documenti inerenti all’acquisto di beni e servizi.
2.9 Redazione di un regolamento con criteri e limiti di attribuzione delle consulenze esterne con lo scopo di ridurre le spese in base al principio di buon andamento, economicità, imparzialità e trasparenza.
2.10 Predisporre un piano amministrativo che sostenga procedure semplificate di erogazione dei servizi al cittadino.
2.11 Introduzione del voto di apprezzamento sui lavori pubblici realizzati, da parte dei cittadini, mediante piattaforma online.

 

3. Ambiente, Territorio, Turismo, Imprese
3.1 Sostenere politiche che incoraggino un comportamento ad impatto zero sull’ambiente.
3.2 Promozione del compostaggio domestico e creazione di un centro comunale per il trattamento dell’umido al fine ridurre i costi di smaltimento.
3.3 Promozione della raccolta differenziata durante gli eventi e manifestazioni.
3.4 Promozione iniziative private che sostengano il riciclo dei rifiuti.
3.5 Promozione delle fattorie comunali, dell’orto comunale.
2.6 Provvedere, con particolare attenzione, alla bonifica dei siti inquinati e/o utilizzati come discarica.
3.7 Predisporre anche una gestione di raccolta dei rifiuti mediante centri di raccolta specie nel periodo estivo.
3.8 Garantire l’adeguamento del territorio a misura dei diversamente abili.
3.9 Riqualificazione di edifici abbandonati/sottosviluppati come, per esempio, la Torre Talao.
3.10 Sostenere politiche a tutela del patrimonio storico e culturale anche mediante lavori mirati alla riqualificazione del centro storico.
3.11 Creazione di una pista ciclabile cittadina.
3.12 Predisporre una viabilità cittadina efficiente e volta alla sicurezza dei pedoni.
3.13 Agevolazioni sulle adozioni dei cani in custodia presso il canile convenzionato così da ridurre i costi verso prestatori di servizi terzi.
3.14 Valorizzazione del verde pubblico esistente e aumento delle aree ed esso destinate.
3.15 Sostegno a iniziative culturali che interessino i vari aspetti legati alla promozione turistica ripercorrendo la storia del comune anche valorizzando figure storiche (vedi Gregorio Caloprese, Ruggiero di Loria ecc.).
3.16 Promuovere corsi di formazione per gli operatori turistici per accrescere la competitività nei servizi offerti anche mediante la creazione di laboratori. Coinvolgere i cittadini e favorire la promozione e il messaggio turistico.
3.17 Creazione di un sistema di cartellonistica con informazioni multilingua che accolga ed indirizzi i visitatori.
3.18 Predisporre un programma sinergico per consentire un affluenza turistica durante tutto l’anno anche mediante la promozione di attività culturali e ricreative.
3.19 Realizzazione di un catalogo contenente tutti i prodotti locali così da favorire le aziende locali.
3.20 Offrire sostegno per la creazione di nuove imprese nel settore dell’Information Technology.
3.21 Promuovere, nei limiti delle proprie competenze, l’immigrazione nel territorio di aziende che operano nel settore informatico e tecnologico.
3.22 Sgravi fiscali per le aziende che investono nell’area comunale, che dimostrano di tutelare l’ambiente, che riescono ad avere un impatto zero e a produrre nell’ottica “rifiuti zero”.
3.23 Rilancio del turismo: creazione di un portale turistico ad hoc che valorizzi Scalea non solo per le sua cultura, il mare, il suo centro storico e le sue opere d’arte, ma anche come una città ancora “genuina” e a misura d’uomo.

  

4. Cultura, Scuola e sostegno agli studenti universitari
4.1 Favorire iniziative didattiche volte all’arricchimento culturale degli studenti utilizzando laboratori creativi, interculturali e di educazione ambientale.
4.2 Incentivazione dell’uso degli strumenti informatici nelle scuole.
4.3 Promuovere l’uso di libri di testo digitali nelle scuole.
4.4 Progetto del Piano Educativo Territoriale per riconoscere l’identità locale e promuovere il senso di appartenenza al territorio.
4.5 Larga promozione e uso degli stage formativi anche in collaborazione con le università e, di conseguenza, fornire sostegno agli studenti universitari che accetteranno di seguire tirocini formativi o di orientamento presso il comune.
4.6 Creazione di borse di studio per il sostegno degli studenti universitari a cui verranno affidati progetti di affiancamento e sostegno individuale a favore di minori in carico al servizio sociale.
4.7 Migliorare il servizio scuolabus rinnovando il parco macchine e assicurando la presenza di assistenti sugli scuolabus; garantire il servizio pre-scuola con operatori comunali e gli assistenti alla persona per i casi di grave disabilità; garantire un servizio mensa efficiente fin dal primo giorno di lezione; assicurare interventi in rete con i servizi sociali per i casi di disagio socio-economico.
4.8 Promuovere gli antichi mestieri e le tradizioni di Scalea anche mediante corsi professionali.
4.9 Incentivi alla presenza di artisti di strada, con spazi autorizzati prenotabili online ed eliminando il pagamento della tassa di occupazione suolo pubblico;
4.10 Nidi d’infanzia: studio sul’ attuale sistema gestionale dei nidi comunali e convenzionati per verificare la fattibilità di un abbassamento delle tariffe e la possibilità di riorganizzare l’orario di apertura dei quelli comunali al fine di un’ottimizzazione del servizio attualmente offerto.
4.11 Sostegno di progetti privati di rilancio turistico, di gestione delle risorse e della fornitura di servizi resi alla comunità promossi dai giovani neolaureati.
4.12 Favorire l’accesso alle risorse finanziarie per le associazioni che si occupano di cultura.
5. Servizi (Connettività, Sicurezza, Efficienza, Servizi al cittadino)
5.1 Creazione di apposita commissione comunale per i rapporti con gli enti (comuni limitrofi, provincia, regione, ecc.).
5.2 Creazione del catasto comunale arboreo collegate al sistema SIT.
5.3 Garantire un servizio di riscossione tributi gestito esclusivamente dall’ente.
5.4 Promozione dell’uso di software open-source in tutti gli uffici comunali.
5.5 Al fine di ridurre il costo per i contribuenti si promuove un sistema di fatturazione dell’acqua mediante l’introduzione di sistemi di misurazione con erogazione prepagata.
5.6 Fornitura di internet veloce senza fili nelle piazze e nei centri nevralgici di maggior aggregazione sociale per facilitare l’aggregazione giovanile fuori dalle mura domestiche.
5.7 Uso della piattaforma web comunale per l’ottenimento dei certificati digitali.
5.8 Sosterremo lo sviluppo dell’attività sportiva amatoriale, supporteremo le eccellenze sportive agonistiche locali attraverso il patrocinio di manifestazioni e gare nonché lo sviluppo di iniziative ed eventi nelle scuole di Scalea. Promozione dello sport e i suoi valori.
5.9 Riqualificazione delle strutture sportive esistenti sul territorio e riattivazione della piscina comunale.
5.10 Promuovere l’uso della bicicletta mediante la creazione ad hoc di piste ciclabili urbane e la collaborazione con i comuni limitrofi.
5.11 Fornitura d’acqua pubblica liscia e gassata mediante colonnine comunali (casa dell’acqua).
5.12 Preparazione del piano energetico comunale. Promuovere l’autosufficienza degli edifici pubblici mediante lo sfruttamento di fonti di energia sostenibile (fotovoltaico, solare-termico).
5.13 Favorire la creazione di parchi, anche per i diversamente abili, per la pratica gratuita di sport quali basket, skateboard, pallavolo, tennis…
5.14 Introduzione di un sistema di valutazione dell’uso degli impianti sportivi e ricreativi comunali dati in concessione, con possibilità di annullamento della stessa, laddove possibile, in caso di mancata valorizzazione e/o speculazioni.
5.15 Abbonamenti gratuiti o a costi graduati per la frequenza agli impianti sportivi a favore delle fasce di popolazione meno abbienti.
5.16 Educazione civica agli immigrati, tenuta da mediatori linguistico/culturali: spiegazione regole, diritti e doveri.
5.17 Predisporre un piano economico-finanziario che favorisca la riduzione degli sprechi con particolare attenzione alle voci di spesa legati all’acqua pubblica, alla raccolta dei rifiuti, al trattamento delle acque e a una migliore riqualificazione dell’arredo urbano nonché della viabilità.

Le righe più tristi che abbia mai scritto…

… in merito alla partecipazione dei cittadini, e non solo, al benessere del proprio paese.

Non credevamo di essere gli unici, insieme all’associazione WScalea, ad aver aderito concretamente all’apertura dell’amministrazione comunale a contributi, proposte, dei cittadini o delle associazioni per redigere il piano anticorruzione per il prossimo triennio. Eccomi qua a dover commentare la notizia: solo due soggetti si sono interessati alla questione “prevenzione della corruzione”. Mi unisco al commento degli altri che hanno partecipato e aggiungo, ma tutta la calca di candidature a SINDACO di Scalea su cosa si sostiene? Tra i post e i comunicati stampa degli ambiziosi candidati “alla poltrona” che costruiscono la propria candidatura su principi di moralità come se questi fossero caduti da fonti divine, guarda un po’, proprio su di loro. Perdonatemi questa mia scivolata polemica ma non è potuto fare a meno. E’ troppa la mia amarezza. Giuro, ero convinto che la calca ad inviare proposte per il PTPC del Comune di Scalea sarebbe stata enorme pur di ottenere il pezzo da postare su facebook e a mezzo stampa e invece, mi rendo conto e ahinoi non sono il solo, di lotta alla corruzione non frega molto a nessuno. Troppo impegnati a scrivere proclami?
In tutto ciò abbiamo avuto un EPIC FAIL: un imbarazzatissimo “nel caso in cui fossimo ancora in tempo…”. 10 giorni per scrivere due righe non sono tanti ma sono un eternità per un sedicente candidato Sindaco di una città il cui governo è stato sciolto per MAFIA. Sottolineo un eternità.

20160208_091141

 

Ex-Discarica di Scalea, sito contaminato?

discarica_ingresso

La delibera numero 17 del 30-09-2014 della commissione straordinaria, in sede di consiglio comunale, ci ha fatto notare che è previsto uno stanziamento di circa 2,7 milioni di euro da parte della Regione Calabria Dipartimento politiche dell’ambiente inerente il piano di stralcio dei siti ad alto rischio. Nella riga numero 8 della scheda “A”, inerente alla copertura finanziaria per il programma triennale della opere pubbliche del comune di Scalea, si legge bene “bonifica del sito contaminato discarica incontrollata sita in località piano dell’acqua”. Leggendo questo documento è risultato doveroso visitare il sito di discarica e redigere un video documentario. Giunti sul posto, proprio all’ingresso della discarica, abbiamo notato un forte odore nauseabondo che, come capita spesso nelle prossimità delle discariche, ma la presenza di alcuni ristagni particolarmente maleodoranti, in un periodo di scarse precipitazioni, ci ha fatto pensare alla possibile fuoriuscita di percolato.

Per troppi anni la discarica comunale è stata considerata come problema solo nella sua capacità limitata di accogliere rifiuti e non come una possibile causa di malessere per i cittadini. Quindi una questione economica e non umana. Le discariche, fino ad oggi considerate come problema politico, devono essere trattate per quello che sono, ovvero siti particolarmente sensibili che possono essere causa di malattie croniche e finanche letali. E’ nostro intento conoscere quali siano gli agenti contaminanti, così come letto in delibera, presenti in discarica e quali azioni siano state intraprese. Il territorio tutto va considerato come bene imprescindibile per il benessere delle comunità. Non lontano da Scalea, precisamente sul fiume Noce in località San Sago, un impianto di smaltimento potrebbe essere riaperto a seguito della bocciatura, in Cassazione, del ricorso della Procura di Cosenza sulla decisione del tribunale del riesame di dissequestrare l’impianto di San Sago. Anche in questo caso vogliamo procedere interpellando le istituzioni per fare chiarezza sulla vicenda, incontrando i cittadini e informare. Gli attivisti del Meetup di Scalea saranno disponibili per ogni chiarimento, tutti i sabato e domenica in p.zza Caloprese dalle 10:00 alle 13:00.