Ex-Discarica di Scalea, sito contaminato?

discarica_ingresso

La delibera numero 17 del 30-09-2014 della commissione straordinaria, in sede di consiglio comunale, ci ha fatto notare che è previsto uno stanziamento di circa 2,7 milioni di euro da parte della Regione Calabria Dipartimento politiche dell’ambiente inerente il piano di stralcio dei siti ad alto rischio. Nella riga numero 8 della scheda “A”, inerente alla copertura finanziaria per il programma triennale della opere pubbliche del comune di Scalea, si legge bene “bonifica del sito contaminato discarica incontrollata sita in località piano dell’acqua”. Leggendo questo documento è risultato doveroso visitare il sito di discarica e redigere un video documentario. Giunti sul posto, proprio all’ingresso della discarica, abbiamo notato un forte odore nauseabondo che, come capita spesso nelle prossimità delle discariche, ma la presenza di alcuni ristagni particolarmente maleodoranti, in un periodo di scarse precipitazioni, ci ha fatto pensare alla possibile fuoriuscita di percolato.

Per troppi anni la discarica comunale è stata considerata come problema solo nella sua capacità limitata di accogliere rifiuti e non come una possibile causa di malessere per i cittadini. Quindi una questione economica e non umana. Le discariche, fino ad oggi considerate come problema politico, devono essere trattate per quello che sono, ovvero siti particolarmente sensibili che possono essere causa di malattie croniche e finanche letali. E’ nostro intento conoscere quali siano gli agenti contaminanti, così come letto in delibera, presenti in discarica e quali azioni siano state intraprese. Il territorio tutto va considerato come bene imprescindibile per il benessere delle comunità. Non lontano da Scalea, precisamente sul fiume Noce in località San Sago, un impianto di smaltimento potrebbe essere riaperto a seguito della bocciatura, in Cassazione, del ricorso della Procura di Cosenza sulla decisione del tribunale del riesame di dissequestrare l’impianto di San Sago. Anche in questo caso vogliamo procedere interpellando le istituzioni per fare chiarezza sulla vicenda, incontrando i cittadini e informare. Gli attivisti del Meetup di Scalea saranno disponibili per ogni chiarimento, tutti i sabato e domenica in p.zza Caloprese dalle 10:00 alle 13:00.

 

Lascia una risposta